Fabio    1 aprile 2015    Articoli Tradotti     Letto 1.016 volte

Pubblichiamo in esclusiva le scans della rivista People Magazine in uscita venerdì nelle edicole statunitensi, in cui Avril racconta, come anticipato poche ore fa, dei problemi di salute che l’hanno afflitta nei mesi passati.

La segreta crisi di salute di Avril Lavigne
“Avevo paura per la mia vita”
Costretta a letto per mesi, la cantante rivela come un paralizzante caso di malattia di Lyme l’abbia cambiata per sempre: “Ho davvero imparato chi sono.”

In una fredda mattina di marzo nei boschi canadesi, Avril Lavigne ripone le gambe sotto di sé e si butta sul gigante divano viola nel suo salotto, mentre gli ettari di pini e betulle fuori raccolgono una leggera spolverata di neve. Negli ultimi cinque mesi, la pop star, 30 anni, si è nascosta nell’appartato rifugio che condivide in Ontario con il marito Chad Kroeger, lottando per riconquistare la sua salute, mentre si speculava circa le ragioni della sua scomparsa. Ora la Lavigne è finalmente pronta a spiegare il motivo per cui è sparita: La scorsa primavera una puntura di una zecca le ha procurato un grave caso di malattia di Lyme che l’ha lasciata allettata e in disperata ricerca di risposte. A volte, “Mi sentivo come se non riuscivo a respirare, non riuscivo a parlare, e non riuscivo a muovermi,” dice la Lavigne circa il suo calvario a People. “Ho pensato che stavo morendo.”

Rendendosi conto che qualcosa non andava
Lo scorso aprile, quando era in tour, la Lavigne ha cominciato a sentirsi male. “Era l’11 aprile e ricordo di essermi svegliata sudata fradicia e di sentirmi febbrile”, dice. Supponendo di avere l’influenza, ha preso la medicina, ma i sintomi sono peggiorati. “Mi sentivo completamente debole e affaticata. Una sera ho provato a lavarmi i denti sul tour bus e non riuscivo nemmeno a stare in piedi.” Ha cercato l’aiuto di medici, che hanno diagnosticato disidratazione e stanchezza da tour. “Pensavo, non è possibile”, dice la cantante canadese, che ha lavorato senza sosta fin dal suo album di debutto, Let Go, disco di platino nel 2002, quando aveva solo 17 anni: “Ho fatto questo per tanto tempo e non mi sono mai sentita così prima.” Dopo la sua ultima apparizione pubblica, nel mese di settembre, ha cercato di festeggiare il suo 30° compleanno a Las Vegas con gli amici. “È stato terribile”, ricorda. “Riuscivo a malapena mangiare, e quando siamo andati in piscina, ho dovuto lasciare e andare a sdraiarmi sul letto. I miei amici hanno chiesto, ‘Che cosa c’è che non va?’ Non lo sapevo.” Le condizioni della Lavigne peggioravano, non riusciva a scrollarsi di dosso i sentimenti di letargia e vertigini; il suo corpo le doleva sempre di più, e la stella, una volta energetica presto faceva fatica semplicemente per muoversi. Due amici che erano familiari con la malattia di Lyme hanno suggerito che avrebbe potuto contrarre la malattia da una zecca. Ma ottenere una diagnosi non è stata impresa facile. “Ho dovuto lottare”, dice la Lavigne. “I medici mi dicevano che ero pazza e non mi hanno visitata. Ho dovuto informarmi completamente da sola” facendo ricerche su Internet. Dopo diversi mesi – e una manciata di visite al pronto soccorso e la consultazione con più medici – i suoi sospetti sono stati confermati quando è stata valutata da uno specialista di Lyme. “La gente in realtà non parla della malattia, e aiutare può essere difficile”, dice la Lavigne. “Non ho idea di dove ho ricevuto il morso della zecca… Ha cambiato la mia vita completamente.”

Trovare un rifugio dal mondo
Dal mese di ottobre, la Lavigne ha raramente lasciato la sua casa avendo combattuto la malattia. Per mantenere il suo umore, ha riunito la famiglia, guardato film e si è tenuta in contatto con i suoi fan attraverso i social media. “Non ho mai avuto depressioni, ma essere malato ed essere così terrorizzata, quello in sé è deprimente”, dice la Lavigne. “Ci sono stati momenti in cui non ho potuto farmi la doccia per una settimana intera, perché riuscivo a malapena a stare in piedi. Mi sentivo come se tutta la vita mi fosse risucchiata fuori.”

ROCKING ON – “Sapere che i miei fan erano in attesa mi ha aiutato a rimanere in vita dentro durante alcuni dei miei momenti più bui”, dice la Lavigne.

UN TEMPO PER GUARIRE – “A volte ci vogliono casi come questo per mettere le cose in prospettiva”, dice la cantante (a casa sua il 27 marzo) riguardo l’essere malata. “In un certo senso, sono grata per tutto questo.”

Per guarire, ha sopportato diverse cure di antibiotici e rivisto il suo stile di vita. “La mia dieta è povera di zuccheri, senza latticini, senza glutine, tutto biologico. Succhi di tre volte al giorno”, dice la Lavigne, che stima che lei ora ha recuperato l’80% della sua salute. “Faccio yoga, meditazione e cerco di nuotare o camminare tutti i giorni. Ci sono alti e bassi, stai meglio, poi stai peggio, poi di nuovo meglio.”

“Non ho mai avuto le idee più chiare su ciò che voglio nella vita”

L’esperienza l’ha portata più vicina a sua madre, che è rimasta a casa della Lavigne per mesi a prendersi cura di lei. Nel frattempo Kroeger, 40 anni, nel bel mezzo di un tour mondiale con la sua band, i Nickelback, torna a casa il più possibile. “È stato davvero di supporto”. Dice la Lavigne scrollandosi di dosso tutti i pettegolezzi su una crisi matrimoniale. Anche i suoi fan erano lì per lei nei momenti bui. “Chiedevano di me da quando ero assente, così ho detto ad un fan direttamente che non mi sentivo bene”, dice la Lavigne, facendo riferimento ad un messaggio privato su Twitter inviato nel mese di dicembre e che è diventato virale. “I messaggi e video di auguri che mi hanno mandato mi hanno toccata profondamente. Sono stata a letto a guardarli e ho pianto così tanto perché mi sono sentita amata. È stato energico e bellissimo.”

Riprendersi indietro la propria vita
Alla fine, la Lavigne dice di essere, “grata”, per la “cosa peggiore” che ha vissuto. “Non ho mai avuto tutto questo tempo libero nella mia vita”, ha detto. “E non ho mai avuto le idee più chiare su ciò che voglio nella vita – salute, famiglia, amore e felicità”. Mentre la Lavigne e Kroeger hanno nei piani il metter su famiglia (“Entrambi vogliamo dei bambini”, ha detto Kroeger nell’intervista a People del 2013. “Abbiamo solo bisogno di trovare un momento in cui siamo entrambi a casa per provarci”), la cantante ha trovato un altro impegno: sensibilizzare sulla malattia di Lyme. È anche in attesa di ripartire con la sua carriera, anche se con un ritmo più sano. “Questo è stato un campanello d’allarme”, ha detto. Il suo primo progetto è il singolo “Fly” che sarà pubblicato ad Aprile a sostegno dei Giochi Olimpici Speciali. La Lavigne spera un giorno di poter registrare un album natalizio ed è interessata a girare un film. “Non vedo l’ora di sperimentare di nuovo la vita” ha detto. “Nel più bui dei miei periodi mi sono detta ‘Sei solo in un bozzolo in questo momento. Quando la primavera arriverà sarai pronta a volare’”.

People Magazine, 1 aprile 2015, Gillian Telling

ADV
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"