Fabio    17 Luglio 2013    Articoli Tradotti     Letto 386 volte


Avril Lavigne ha fatto l’impensabile per un artista del 21° secolo che si rispetti, e ha detto la verità sul cambio di casa discografica.

“Per il mio album precedente, la mia casa discografica è stata un enorme rottura di scatole”, dice allegramente a HuffPostUK, in una tappa veloce del suo tour a Londra.

“Con questo album ho avuto modo di passare a Epic Records e lavorare con LA Reid, che in realtà mi ha messo sotto contratto quando avevo 15 anni, quindi è stato come tornare a casa.”

Il prossimo album, i cui i dettagli sono scarsi, ma ha fatto capire di coinvolgere la collaborazione con artisti del calibro di Marilyn Manson, tra gli altri, è il quinto album in studio della semovente cantante canadese.

Nonostante il suo enorme successo fin dalla sua prima hit ‘Complicated’ quando aveva 17 anni, lei sembra più entusiasta che mai per questo, qualcosa che lei prontamente ammette…

“Volevo fare un buon lavoro, perché questo sembrava un grande evento. Mi sentivo così fresca eccitata e ri-ispirata. Ho scritto carichi e carichi di canzoni – ce ne saranno solo 12 o giù di lì sul disco, e ne ho preparate circa 30 “.

Lungo la sua strada, passando per due matrimoni compreso il più recente a Parigi con il frontman dei Nickelback Chad Kroeger, la Lavigne ha avuto diverse intrusioni da parte dei tabloid, ma è qualcosa che aveva messo in conto come “parte del lavoro, devo solo essere professionale a riguardo”.

Quindi, come è riuscita a evitare le insidie subite da tanti suoi privilegiati contemporanei di talento?

“Io lavoro molto. Sono arrivata dove sono da sola, e ci ho messo del tempo. Per quelle persone che ci riescono…” fa una pausa con attenzione … “è importante avere persone buone nella tua vita, la famiglia, l’equilibrio e mantenere il controllo.”

Huffington Post UK, 16 Luglio 2013, Caroline Frost

ADV