HomeAvril LavigneBiografiaBiografia ufficiale 2013


Quando Avril Lavigne fece la sua comparsa sulla scena musicale a soli 17 anni, era un maschiaccio pop-punk che si rifiutava di ricorrere a mise succinte per conquistare il pubblico, preferendo puntare su una voce potente, melodie vivaci e testi schietti. Essere coerente e onesta con se stessa e concentrarsi sulla musica anziché sull’immagine ha pagato, a livello di critica e di vendite per la ragazza che arrivava dalla piccola città di Napanee, Ontario. Nel 2002 la Lavigne è diventata una stella della musica mondiale con Let Go (6 volte disco di platino), seguito da Under My Skin del 2004 (3 volte disco di platino), The Best Damn Thing del 2007 (disco di platino) e Goodbye Lullaby del 2011, che ha venduto più di due milioni di copie in tutto il mondo. Nel corso della sua carriera decennale, la Lavigne ha messo a segno una serie di hit internazionali, ha fatto il giro del mondo con i suoi tour sold-out, ha ottenuto otto nomination ai Grammy, vinto otto Juno Awards (i premi dell’industria discografica canadese) e venduto più di 35 milioni di album e di 20 milioni di brani nel mondo.

Musicista autodidatta, che suona la chitarra, il pianoforte e la batteria, e che scrive ogni sua canzone, la Lavigne cantava e si esibiva già da alcuni anni prima di pubblicare l’album di debutto Let Go contenente le hit “Complicated” e “Sk8er Boi” e che ha venduto oltre 16 milioni di copie nel mondo. Il secondo album Under My Skin (2004) ha debuttato alla posizione numero 1 della Top 200 di Billboard e ha venduto oltre otto milioni di dischi nel mondo, trainato dai singoli “Don’t Tell Me” e “My Happy Ending”. Quattro anni dopo è uscito The Best Damn Thing, contenente il singolo “Girlfriend” che ha raggiunto il primo posto delle classifiche. “Girlfriend” è tuttora il più grande successo di Avril Lavigne: con oltre 7,3 milioni di download in otto lingue, è stato il brano digitale più venduto del 2007. “Here’s To Never Growing Up”, il primo singolo del suo nuovo omonimo album (pubblicato a Novembre), ha debuttato alla numero 1 in 22 paesi ed è stato nella Top 10 in 44 nazioni.

Inoltre, la Lavigne ha co-scritto canzoni per altri artisti, come Kelly Clarkson (il suo grande successo “Breakaway”), così come brani per Demi Lovato e Leona Lewis. Le sue canzoni sono anche apparse nelle colonne sonore di film come Eragon, Sweet Home Alabama, Bruce Almighty, Legally Blonde 2, The Princess Diaries 2, The House Bunny, e Alice in Wonderland. (Ha recitato nei film Over the Hedge, Fast Food Nation e The Flock.) Nel 2010, la Lavigne ha scritto “Alice” per il film fantasy di Tim Burton, che è stata inclusa nella compilation Almost Alice. Ha anche portato la sua linea di moda col marchio Abbey Dawn nella progettazione creando pezzi in stile “Alice in Wonderland” che sono stati venduti nei negozi in concomitanza con l’uscita del film.

La Lavigne ha avuto grande successo come imprenditrice con Abbey Dawn, una collezione giovanile di abbigliamento e accessori ispirata alla sua vita, la musica, e ai suoi viaggi in giro per il mondo, così come con le sue tre fragranze, Black Star, Forbidden Rose, e Wild Rose. Nel corso degli anni, ha disegnato pezzi speciali e designato i proventi alla Avril Lavigne Foundation, che lavora in partnership con organizzazioni come Easter Seals, Erase MS e Make-A-Wish. Ad oggi, la Avril Lavigne Foundation ha raccolto più di mezzo milione di dollari per fornire sostegno ai bambini e giovani che vivono con gravi malattie o disabilità attraverso iniziative di sensibilizzazione e sovvenzioni.

Anche se si dedica ai suoi sforzi creativi e filantropici, la musica è ancora al primo posto per la Lavigne, che ha appena pubblicato il suo quinto album, intitolato semplicemente Avril Lavigne. Qui troviamo la Lavigne lavorare con nuovi collaboratori (Chad Kroeger e David Hodges, con i quali ha scritto otto canzoni, ma anche Martin Johnson, J Kash, Matt Squire, e altri) e sperimentare una vasta gamma di sonorità, dalle tinte nostalgiche, al pop spensierato (“Here’s To Never Growing Up”, “Bitchin’ Summer”, “17”) al rock senza rimorsi (“Rock N Roll”, “Bad Girl”, con la partecipazione di Marilyn Manson) alla sfacciata dubstep con influenze pop (“Hello Kitty”) fino ai suoi marchi di fabbrica, le ballate epiche, “Hush Hush” e “Let Me Go”, un duetto con il cantante Chad Kroeger dei Nickelback, che ha sposato nel luglio del 2013. Presentati dal manager della Lavigne, che pensava sarebbero stati una buona squadra, i due si sono innamorati durante la realizzazione dell’album.

“Ho pensato che lavorare con Chad sarebbe stata una buona idea perché credevo sarebbe stata una bella esperienza scrivere con un’altro performer,” ha detto la Lavigne. “Lui sa cosa vuol dire dover vendere una canzone davanti a una grande folla. Lui è un tipo da chitarra. È una rock star. Prova quello che provo io. Siamo entrambi canadesi. Mettere due persone che hanno la stessa identica vita in una stanza aveva un senso. Ci siamo incontrati per la prima volta in studio. Abbiamo instaurato un legame che andava oltre la musica. In studio eravamo Chad, io, e Dave Hodges. Ci chiamavamo Il Treppiede. È così che è iniziata la lavorazione a questo disco. Avevo appena finito un tour mondiale e il mio compito era quello di andare in studio ogni giorno con questi ragazzi. Indossavamo cappelli a cilindro e fumavamo sigarette e ordinavamo pizza e stavamo sul pavimento a scrivere una canzone ogni giorno, ridendo a crepapelle. Ho pensato che Chad fosse la persona più divertente del mondo. È così che è nato tutto.”

Con un nuovo marito, un nuovo album album, e ancora un altro tour mondiale che si avvicina nel 2014, la Lavigne è riflessiva sul suo successo, che lei attribuisce all’essere rimasta fedele a se stessa. Alla domanda su cosa direbbe alla sua se stessa diciassettenne che sta appena entrando nel mondo della musica, risponde: “Le direi solo di essere se stessa. Fai quello che vuoi fare e non permettere a nessuno di cambiarti. Capisci chi sei come artista e dove vuoi andare stilisticamente e fatti valere. Lotta per quello che sei.”

ADV