Fabio    15 Febbraio 2019    Articoli Tradotti     Letto 536 volte

Non c’è nulla di “complicato” sulla relazione di Avril Lavigne con l’ex marito Chad Kroeger.

Nel numero di questa settimana di PEOPLE, la pop-rock star dice a PEOPLE: “Chad ed io siamo super vicini”.

In effetti, la Lavigne, 34 anni, ha collaborato con il frontman dei Nickelback, 44 anni, nel suo nuovo album Head Above Water, con Kroeger che l’ha aiutata a scrivere “Warrior.” La canzone – come molte sul nuovo disco della Lavigne – è ispirata dalla sua debilitante battaglia con al malattia di Lyme.

“Sono davvero grata di aver avuto qualcuno come lui nella mia vita a cui importava mentre mi rialzavo in piedi”, dice la Lavigne parlando del lavorare con il suo ex in mezzo alla sua crisi di salute.

La Lavigne e Kroeger si sono separati nel 2015 dopo due anni, ma non c’è rancore tra i due.

“Mi ha preso sotto la sua ala, mi ha portata in studio, mi ha registrato, è stato molto incoraggiante. Mi ha aiutato con alcune delle canzoni che ho scritto, perché è un buon compositore di canzoni – se fossi stata bloccata su un testo o su una parte, mi avrebbe aiutato a finire una canzone se non ci fossi riuscita e l’avrebbe registrata”, dice la Lavigne.

“È sempre stato un cheerleader ed è sempre stato un grande fan. È nel mio angolo, è dalla mia parte, ed è sempre stato fantastico,” aggiunge.

Questa non è la prima volta che Lavigne è rimasta amichevole con un ex da cui ha divorziato. Lei e il suo primo marito, il rocker dei Sum 41 Deryck Whibley, si sono separati nel 2009 dopo tre anni insieme. Ma hanno continuato a collaborare per il suo album del 2011 Goodbye Lullaby, su cui Whibley è accreditato come produttore e ingegnere.

La Lavigne ha iniziato a scrivere canzoni per Head Above Water, il suo sesto album e primo dal 2013, durante la sua devastante battaglia con la malattia di Lyme. La cantante dice che è stata costretta a letto per due anni mentre curava la malattia con antibiotici ed erbe. E si appoggiava alla famiglia, alla sua fede e al suo modo di scrivere nei momenti più bui.

“La musica mi ha davvero sollevato e mi ha fatto sentire meglio”, dice. “All’inizio non sapevo che stavo facendo un album – mi sono naturalmente rivolta alla scrittura in un periodo di guarigione”.

Oggi, la Lavigne – che è legata sentimentalmente a Phillip Sarofim dallo scorso aprile – sta ancora gestendo la sua malattia ma è felice e più sana.

“Sono in un buon momento”, dice. “È importante vivere la vita al massimo ogni giorno.”

People.com, 13 febbraio 2019, Jeff Nelson

ADV